home page Centro Zeta
 
storia...tanti ricordi

L'Associazione Centro Zeta viene costituita nel 1990 per volontà di alcune persone che ritenevano importanti i valori dell’altruismo e della solidarietà e che prestavano aiuto in caso di bisogno con i pochi mezzi a disposizione.
Negli anni il numero di iscritti è aumentato e sono stati potenziati il numero dei mezzi e quello delle attrezzature a disposizione dei volontari.
L’Associazione opera soprattutto nell’ambito del territorio del X (ex XIII) Municipio del Comune di Roma in caso di micro calamità naturali. Ha prestato la propria opera durante le emergenze anche in ambito nazionale (Sarno, Nocera Umbra, Quindici, L’Aquila, Torrita di Amatrice ecc) e in quello internazionale partecipando alla Missione Arcobaleno in Albania.
Tutti gli iscritti operativi hanno frequentato corsi di formazione (soprattutto antincendio) presso il Corpo Forestale dello Stato e quello dei Vigili del Fuoco.
Durante il periodo invernale ha organizzato e gestito corsi teorico-pratici rivolti ad alunni e insegnanti delle scuole del ciclo primario e secondario di I grado sui comportamenti da tenere in caso di terremoti o incendi.
Abbiamo vari automezzi antincendio a disposizione ,oltre a motopompe, idrovore, e vari gruppi elettrogeni.
La sede è situata su un terreno di 1.300 mq in Via Giuseppe Beduschi al N° 63 Dragona Roma.
Logisticamente è organizzata in cinque container adibiti a sala riunione,ufficio,sala riposo,sala comune,sala radio,cucina,bagni,e magazzino.Tutto ciò per dire: abbiamo tutto ciò che serve per essere operativi H24

Il Presidente
Quaglietti Maurizio

L'opera umana pu' bella..........essere utile al prossimo:


centro zeta 1990

Veduta del piazzale della Nostra Sede.


LA PROTEZIONE CIVILE è un insieme delle competenze e delle attività volte a tutelare la vita,l'integrità fisica, i beni,gli insediamenti,gli animali e l'ambiente dai danni o dai pericoli di danni derivati da eventi calamitosi di origine naturale o derivati dall'attività dell'uomo.Sono attività di Protezione Civile quelle volte alla previsione prevenzione e mitigazione dei rischi,alla gestione delle emergenze ed al loro superamento.La legge 1/2018,così come le leggi precedenti,attribuisce i poteri in materia di Protezione Civile al Presidente del Consiglio dei Ministri,che lo esercita per il tramite del capo del Dipartimento della Protezione Civile. A cascata seguono i presidenti delle Regioni ed infine il Sindaco massima autorita di Protezione Civile sul territorio del proprio Comune. La direzione unitaria di tutti i servizi di emergenza a livello provinciale compete al Prefetto.Tutti gli interventi di soccorso tecnico indifferibili e urgenti sono affidati al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco .I Cittadini partecipano al sistema attraverso il Volontariato organizzato di Protezione Civile.Volontario è colui che,per sua libera scelta,svolge l'attività di volontariato in favore della comunità e del bene comune,nell'ambito delle attività di Protezione Civile,mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per concorrere alla promozione di efficaci risposte ai bisogni delle persone e delle comunità,senza fini di lucro ed esclusivamente per fini di solidarietà.Il Volontario ,così come stabilito dalla Legge 1/2018,opera sempre in appoggio al sistema istituzionale,sotto la diretta guida e responsabilità dei suoi funzionari.